Verifica della documentazione

La prima attività da espletare riguarda la verifica della documentazione che l’appaltatore è obbligato a produrre e che è tenuto conservare in cantiere, a disposizione degli interessati nel caso di controlli da parte della ASL, dell’Ispettorato del Lavoro o delle Autorità di Pubblica Sicurezza. I documenti minimi sono:

  • Notifica Preliminare: da inviare alla ASL e alla Direzione Territoriale del Lavoro (se previsto);
  • PSC (se previsto);
  • Fascicolo contenente le caratteristiche dell’intervento (sempre);
  • POS: Piano Operativo della Sicurezza per ciascuna delle aziende presenti (sempre);
  • Titolo abilitativo per l’esecuzione dei lavori per ciascuna delle aziende presenti (sempre);
  • Copia certificato CCIA per ciascuna delle aziende presenti (sempre);
  • DURC aggiornato per ciascuna delle imprese (sempre);
  • Certificato di iscrizione alla Cassa Edile per ciascuna delle imprese presenti(sempre);
  • Copia LUL: Libro Unico del Lavoro per ciascuna delle aziende presenti (sempre);
  • Eventuali verbali di ispezione del cantiere (sempre);
  • Registro visite mediche periodiche e idoneità alla mansione per ciascuna delle aziende presenti (sempre);
  • Certificati di idoneità per i minorenni se presenti (sempre);
  • Tesserini di vaccinazione antitetanica (sempre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *