Lavoratori esterni

Si è detto all’inizio del capitolo che sarebbe opportuno redigere un DVR anche nel caso in cui il condominio non abbia dipendenti, ma solo lavoratori esterni che operano in virtù di un contratto d’opera o d’appalto. Nella realtà, l’azienda che fornisce il personale che lavora all’interno del condominio, ha lo stesso obbligo di redazione del DVR che grava su un qualsiasi datore di lavoro. Sarebbe pertanto una buona norma richiederne una copia, prima di sottoscrivere un contratto, e verificare che contenga tutte le informazioni necessarie per evitare incidenti, anche all’interno del condominio interessato dal servizio. Ciò significa che un tecnico abilitato, o l’impresa appaltatrice, dovrebbe modificare il DVR per renderlo il più possibile pertinente alla realtà condominiale, nel caso in cui le informazioni fossero insufficienti.

Ma cosa accade quando un condominio ha un dipendente e si avvale anche dell’opera di lavoratori esterni? Entrambi i datori di lavoro hanno senz’altro redatto un DVR, ma è sufficiente? In realtà no, perché mancano le istruzioni per evitare “interferenze” tra le attività dei due lavoratori, oltre che le informazioni di base che servono al nuovo lavoratore per apprendere il comportamento da tenere in caso di pericolo in un ambiente che non conosce.

Il DUVRI – Documento Unico di Valutazione dei Rischi di Interferenza – serve proprio a questo. Si tratta per l’esattezza di un documento che viene condiviso da entrambe le parti  e che informa tutti, lavoratori e datori di lavori, sui possibili rischi che possono derivare dal contemporaneo svolgimento delle rispettive attività. E’ molto utilizzato, soprattutto in presenza dei cantieri di lavoro temporaneo. Per essere completo deve contenere le seguenti indicazioni:

  • Informazioni generali sulla sicurezza del condominio;
  • I nominativi delle figure responsabili della Sicurezza (RSPP, RLS, MC);
  • Localizzazione delle eventuali cassette di Pronto Soccorso,
  • Le vie di esodo in caso di evacuazione;
  • Rischi specifici dell’ambiente di lavoro;
  • Eventuali DPI obbligatori;
  • Presenza di lavoratori con descrizione degli accorgimenti da adottare per evitare rischi per entrambi nel caso di contemporaneità delle rispettive attività.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *